Nel linguaggio comune, il termine vetro viene utilizzato in senso più stretto, riferendosi solamente ai vetri costituiti prevalentemente da ossido di silicio(vetri silicei), impiegati come materiale dacostruzione e infissi , , nella realizzazione di contenitori come vasi e biccheri , o nella manifattura di elementi decorativi e arredamento. La maggior parte degli utilizzi del vetro derivano dalla sua trasparenza,dalla sua inalterabilità chimica e dalla sua versatilità: infatti, grazie all’aggiunta di determinati elementi, è possibile creare vetri con differenti colorazioni e proprietà chimico-fisiche.
Il 90% del vetro piatto prodotto nel mondo, detto vetro float, è fabbricato con il sistema “a galleggiamento” inventato da , dove il vetro fuso è versato ad un’estremità di un bagno di stagno fuso.Oggi quest’operazione è effettuata in atmosfera controllata. Il vetro galleggia sullo stagno e si spande lungo la superficie del bagno, formando una superficie liscia su entrambi i lati. Il vetro si raffredda e solidifica mentre scorre lungo il bagno, formando un nastro continuo. Il prodotto è poi “lucidato a fuoco”, riscaldandolo nuovamente su entrambi i lati, e presenta così due superfici perfettamente parallele. Le lastre sono realizzate con spessori standard di 2, 3, 4, 5, 6, 8, 10, 12, 15, 19, 22 e 24 mm

l vetro può subire delle trasformazioni che gli conferiscono le prestazioni termiche, estetiche, meccaniche, elettriche, ecc. volute. Tra queste possiamo ricordare:
• la
modifica della composizione, per la produzione di vetri colorati, di vetri speciali, vetroceramici;
• la
associazione con altri materiali, che permette la realizzazione di prodotti compositi quali: vetro e polivinilbutirrale (sicurezza), vetro e resina (isolamento acustico), i vetri e gel (antifuoco), vetro e vetro con particolari funzioni estetiche (decorazione);
• la
trasformazione della superficie, attraverso trattamenti come la molatura , la satinatura o la curvatura dei vetri utilizzati nell’architettura di interni e la decorazione;
• il
deposito superficialedi strati sottili per la fabbricazione di specchi, di vetri smaltati, di vetri a controllo solare o di vetri che permettono il risparmio energetico;
l’indurimento meccanicoattraverso la tempra termica o la ricottura
Bellissimo questo portariviste onda in vetro curvato

 

IL VETRO CURVATO


Il vetro curvo (o vetro curvato ) e’ un vetro che e’ stato reso curvo in seguito ad un processo termico e successivo raffreddamento.
Il vetro viene sottoposto ad un processo di riscaldamento graduale a temperature comprese tra i 500°C ed i 600°C , in seguito al quale rammollisce e aderisce per forza di gravita’ ad uno stampo apposito situato nella camera di curvatura del forno.
Dopo questa fase , il vetro viene raffreddato molto lentamente (detenzionamento o ricottura del vetro) , per evitare di indurre tensioni che potrebbero innescare fenomeni di rottura spontanea del materiale , dopo questa fase il vetro acquisisce una resistenza alla flessione maggiore rispetto ad un normale vetro piano .
Tutti i complementi in vetro curvato da noi realizzati vengono sottoposti a questo trattamento .
Please follow and like us:
21
Categorie: Arredamento

Diana Fagiani

autrice della pagina magazine Cuore di casa, sono io nell'avere e provare il piacere di vivere positivamente sempre, e sempre dal cuore trovo la spinta necessaria per agire spesso anche sbagliando ma, non mollo mai la tenacia è per me come una sorella ogni volta che cado giù mi aggrappo ad essa e mi sostiene a rimettere tutto in gioco. Dopotutto la vita non va vista anche come gioco? "L'uomo non smette di giocare perchè invecchia, ma invecchia perchè smette di giocare!" George Bernard Shaw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *